Caparini rilancia Val Camonica provincia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 1 febbraio 2009


Mappa fisica della Valle Camonica (Luca Giarelli).jpg

Davide Carlo Caparini, deputato della Lega Nord, sembra nuovamente intenzionato a portare avanti il progetto di provincia per l'area della Val Camonica.

Con un asupericie di 1335 km², circa 114.000 abitanti, oltre 50 comuni, con tre comunità montane sul territorio e divisa attualmente tra due province (quella di Brescia e quella di Bergamo), se il progetto andasse in porto potrebbe divenire la tredicesima provincia lombarda. Ad essa potrebbe venire aggregata anche la sussidiaria Val di Scalve.

Il progetto di provincia è in parlamento dal 1994, e l'ultima versione della proposta è datata 30 aprile 2008. Il territorio però non raggiunge la soglia dei 200.000 residenti (neppure sommando i circa 4.300 abitanti della Val di Scalve), per cui si dovrebbe già pensare ad una delega particolare (come accaduto nel 1992 per Biella, Lodi, Crotone, Verbano-Cusio-Ossola e Vibo Valentia).

Davide Caparini: «La proposta di legge nel contesto attuale non è attuabile, però il legislatore deve tenere presente le istanze che arrivano dal territorio. Inoltre la proposta è innovativa, perché punta a ottenere una riduzione dei costi».

L'idea innovativa sarebbe quella di creare un ibrido intermedio tra Regione e Comuni, che sostituisca gli attuali BIM e Comunità Montana della Valle Camonica, con personale oscillante tra le 75 e le 157 unità portando ad una riduzione tra il 13 e il 26% del personale attuale.

Il nuovo ente potrebbe inoltre contare su entrate annuali correnti tra i 14 e 22 milioni di euro, mentre non verrebbero duplicati diversi uffici già presenti nella Provincia di Brescia.

Dura l'opinione del parlamentare contro Bacini imbriferi e delle Comunità montane: «sono soggetti che nel corso del tempo hanno ridotto la loro missione di funzionalità dal punto di vista amministrativo, mentre rimangono quali centri di costo e di potere».

Fonti[modifica]

  • «La proposta impossibile»il Sole 24 Ore, 28 gennaio 2009

Collegamenti esterni[modifica]