Italia, Storace attacca Napolitano: è polemica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 14 ottobre 2007

Il Presidente Giorgio Napolitano

Francesco Storace, segretario del neonato partito La Destra, in seguito alla difesa da parte di Giorgio Napolitano verso i senatori a vita (specialmente Rita Montalcini), ha attaccato con parole dure il Presidente della Repubblica Italiana: «Napolitano non può dar lezioni per ragioni che riguardano la storia personale del Presidente che ancora deve farsi perdonare; ma anche per l'atteggiamento nepotistico delle istituzioni e per l'evidente faziosità istituzionale. Napolitano difende chi lo vota contro chi non lo ha votato. E dunque è Napolitano, viste le posizioni che ha assunto, a meritarsi la patente di indegnità. Anche perché si muove a sostegno di una senatrice importante, per la quale il governo nella finanziaria ha stanziato tre milioni di euro 'ad personam'. Nobel o non Nobel, i ricatti sono ricatti. Se dovessi scherzare dovrei considerare improbabile che il Capo della 'casta' mandi i corazzieri a sedare i tumulti a Villa Arzilla».

La condanna è unanime in tutto il centro-sinistra e nell'UDC: spiega il primo a ribattere, Piero Fassino, che giudica quelle di Storace «espressioni vergognose e irresponsabili che squalificano chi le pronuncia». Seguono Angelo Bonelli dei Verdi («vergognose parole fasciste in libertà») e da Oliviero Diliberto (PdCI, «Storace fascista era e fascista resta») che accusano il leader del partito "La Destra" (fondato dopo dissensi in AN con Gianfranco Fini) di estremismo. Aggiunge il Presidente del Senato Marini: «Comportamento assolutamente inaccettabile: affermazioni palesemente ingiuste e assolutamente non veritiere, ha abbondantemente oltrepassato il confine di una corretta dialettica politica» mentre il Presidente del Consiglio Romano Prodi invita l'opposizione a distaccarsi dalle parole di Storace.

Si è aggiunto il candidato favorito alla presidenza del Partito Democratico Walter Veltroni ma anche dall'opposizione il segretario dell'Unione Democratici di Centro Lorenzo Cesa, che ha dichiarato: «Storace dimostra concretamente cosa sia l'estremismo che condiziona la vita politica italiana, e quanto bisogno di moderazione ci sia».

Ribattono anche il Presidente della Camera Fausto Bertinotti, il Ministro degli Affari Esteri Massimo D'Alema ed il Ministro per i Beni Culturali Francesco Rutelli. Secondo il primo «Storace è estraneo allo spirito della Repubblica e le sue dichiarazioni sono incompatibili con la civiltà politica perché il Capo dello Stato conosce i canoni della civiltà e il dettato di questa Repubblica di cui è stato uno dei costruttori. Storace no», secondo il Ministro «la volgarità e al indecenza di quello che ha detto Storace non ha bisogno di commenti», mentre il terzo, concisamente, «Solo due parole: Si vergogni».

Storace si difende dicendo: «Le critiche della casta provocano solo sbadiglio. Se Napolitano mi dà calci io rispondo».

Articoli correlati

Fonti