Wikinotizie:Bar/Partire è un pò morire, ma è meglio partire. Alla svelta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search


Bah. Appena qualche giorno fa avevo aperto un dibattito, anzi avevo sperato di aprire un dibattito su cosa è wikinotizie post-Olimpiadi e dove si poteva andare a parare in futuro. Non è stato un 'successone' e al solito, non si è mancato di rovesciare la frittata addosso al proponente, per poi accusarlo di parlare troppo delle sue storie 'personali' (dopo averlo tirato in ballo personalmente: geniale).

Ora che scrivo un pò di articoli vedo comparire a pioggia targhette di ogni sorta, e provvidenziali 'riscritture' per ragioni alquanto fumose.

Beh, oramai non mi illudo certo che qui dentro ci sia ancora margine per discutere qualcosa. Al più e al peggio, finisco col bissare la sorte wikipediana. E questo proprio non mi sta bene.

Discuto con Trek00, che era un admin, e come ex-admin riesce persino a dimostrare ignoranza (spiace, ma è il termine giusto) delle stesse policy che sciorina (tanto che lo ha smentito il 'niubbo' E. Granata). Nessuno trova strano che un utente di tale esperienza faccia storie a raffica e nemmeno si ricordi -ammesso che l'abbia mai lette- le cose che dicono le policy? Sia come sia, di essere accusato di NNPOV anche quando cito -praticamente alla lettera- quel che le fonti dicono su di un articolo che ho appena scritto -più distaccato che potevo- è davvero il colmo. Che sia stato Leoman3000 a muovere la storia, però, proprio non me l'aspettavo.

La comunità non troverà niente da ridire, come non lo ha trovato a suo tempo quando utenti a 'doppio passaporto' hanno discusso con me qui per attaccare 'di là' ,atteggiamento eticamente spregevole ma 'attinente alla loro sfera privata' (e allora la comunità che ci sta a fare se chiunque può fare colpi bassi del genere?).

Ora sarebbe tempo di definire cosa significa dare 'notizie a contenuto libero'. Perché la libertà di 'rimasterizzare' quello che altri hanno scritto, e di disputarlo, non è che debba per forza sconfinare in accuse gratuite di faziosità, o di attacchi personali all'operato di un utente.

Il trucco è sempre lo stesso, del resto: non si attacca direttamente, si dice solo che quello che Tizio scrive è merxa, lui ad un certo punto finisce per andarsene, o sbottare e prendersi un blocco per 'insulti e attacchi vari', o si adegua al diktact di chi tende a censurarne le espressioni, aggettivi, congiuntivi e compagnia bella (a norma, per così dire, di 'policy', anche quando queste sono totalemente mal citate): in ogni caso il risultato non cambia: è sempre favorevole all'attaccante. Basta agitare lo spettro del NNPOV (non POV, almeno la logica lineare..) e della 'difesa del sito'. Imporre formattazioni inutili che tendono a somigliare a quelle su wikipedia, alla faccia anche delle policy di 'notizie.

Non mi stupisce e forse non stupirà che nessun giornalista professionista capiti qui a scrivere qualcosa: chi glielo farebbe fare se poi, persino qui dove 'non esiste piano editoriale ma solo 'pilastri' (muri?)' di fatto se si vuole, nonostante le tante parole auliche, si può sistematicamente interdire o scoraggiare l'azione e la parola di un contributore, magari citando (male) le policy?

Questi problemi di fatto azzoppano il sito. Ma la notizia di oggi è che di fatto dichiaro bandiera bianca. mettermi a discutere con Trek è stato defaticante e palloso oltre ogni dire; di cominciare anche con Leoman, magari per ritrovarmi bloccato un'altra volta, no grazie. Spiace solo dire quanto, nell'ansia da 'legalità' ci si dimentichi che il sito non è un esercizio di linkaggio ad altro e di astensione da ogni termine 'equivoco' che invece mi spiace ricordarvi, FA parte dello stile 'giornalistico'. E il piacere dell'editing, dell'informare di notizie fuori dal mainstream, decade dato che ci si dissangua, ci si perde tempo e buonumore nelle discussioni che sono interminabili e dissanguanti come tanti colpi di spillo.

Poi l'approfondimento ne soffre; vedere come le elezioni del Pakistan sono state liquidate con 12 righe, parliamo di un Paese con 130 milioni di abitanti e 'atomico', nonché ospitante i santuari Talebani e di AQ, beh, francamente mi ha deluso. Ma forse è rimasto l'unico modo di fare informazione qui senza essere cazziati. Tra l'altro, alla faccia della prevista, futuribile, estensione delle attività addirittura agli 'editoriali'.

Oramai è già tanto se si riesce a fare l'agenzia stampa e a parlare solo del 'qui e subito' (guai a fare 'previsioni' pure contemplate dalle fonti). Magari non è così per tutti, ma di sicuro lo è diventato per 'certi noti' che oramai hanno le mani legate. E che non sono nella condizione di fare altro che mollare e assistere ad un irrigidimento dei controlli, nemmeno se scrivere fosse come guidare in stato d'ebbrezza. Del resto non è una novità che editare nell'Ns0 sia uno dei modi meno efficienti per diventare admin.

Suggerisco di prevedere la punizione per chi abusa dell'uso di 'targhette' e l'adozione di una targhetta di segnalazione sugli articoli censurati. Sennò si da modo solo all'accusa di esprimersi con caratteri e 'bandierine' impossibili da ribattere.

Questo sito doveva (anzi, dovrebbe) aspirare a ben altro che alla veloce 'normalizzazione' e 'appiattimento' che rendono impossibile usare persino gli aggettivi.

Per quel che mi riguarda, l'esperienza è chiaramente conclusa. Certamente lo è nell'Ns0. Non vi mancherò, diciamo che l'uscita la conosco da solo. Ribadisco l'augurio -puramente formale- di buon lavoro a chi è ancora deciso a fare informazione senza essere intimidato dal primo cartellinomane che capita. Certo dell'inutilità di quanto scritto, saluto con compiacenza il mio eventuale lettore.--Stefanomencarelli (talk) 13:43, 12 set 2008 (CEST)


In realtà le righe sono sei, e non dodici. -- «Stef_Mec» talk 13:55, 12 set 2008 (CEST)

No, dodici. La foto non conta.--Stefanomencarelli (talk) 14:04, 12 set 2008 (CEST)

Non ti ho accusato di nulla, né intimidato (cartellinomane? Ancora con questa storia?). Non è una questione di censura, ma di stile. La cronaca dev'essere quella che è. Senza supposizioni o ipotesi future. Wikinews non ha un editore, non ha una linea politica, non ha una linea etnica. Ipotizzare conseguenze future sulla base di altre redazioni (schierate a prescindere) consiste in un POV. Ti è stato già detto centinaia di volte e non solo qui. Comunque, buona fortuna. Permettimi una considerazione: se sono tutti quanti in mala fede (o quasi tutti), tu perché non lo sei? Non rispondere a me, risponditi da solo e non qui.--Leoman3000 14:12, 12 set 2008 (CEST)
I nostri monitor differiscono in risoluzione, evidentemente. Comunque quoto Leoman e rinnovo l'augurio di buona vita, sperando che la soddisfazione che ti è mancata qui possa arrivarti in un altro progetto Wiki, o su altre piattaforme contributive. -- «Stef_Mec» talk 14:27, 12 set 2008 (CEST)


SIGNORI SCUSATEMI[modifica]

Io sono un nuovo iscritto e so che non dovrei inserirmi nei vostri discorsi..Pero' vi prego di fare mente locale sull'importanza che questo sito ha o potrebbe avere per alcuni o molti utenti. Per cui pregherei di cercare di portarlo avanti nel migliore dei modi. C'e' gente che ha bisogno di questo wikinews.C'e' gente i cui diritti sono calpestati ed ha bisogno di chi porti agli altri la sua voce. Spero soltanto che le mie parole non vengano fraintese. E spero che le liti cessino per dare spazio ad un vero giornalismo aperto. Grazie--Sebastiano Caboto

Sebastiano, hai ragione: ma è proprio per battermi per quello che sostieni che ho aperto questa discussione, dato il 'vento che tira' al momento..--Stefanomencarelli (talk) 14:44, 13 set 2008 (CEST)

(talk) 14:24, 12 set 2008 (CEST)

Non preoccuparti, nessuna lite. Ovviamente, ognuno di noi ha una visione del progetto, comune (sicuramente) sui punti cardine, distolta sulle "opzioni derivate". In grandi comunità è normale che accada. Hai incarnato comunque l'obiettivo principale, secondo me: fare giornalismo aperto che, per sua natura, deve mantenere una mera imparzialità (che ne costituisce anche l'identità). Grazie per la tua opinione, che personalmente ho apprezzato tantissimo. --Leoman3000 15:15, 12 set 2008 (CEST)

Leoman, al posto tuo non avrei ribattuto con cotali argomenti. Mi sarei occupato d'altro.

Ora io ti risponderò al di là del tempo massimo, ma solo per controbattere alcune autentiche, xxxxx beh, meglio non dire, che tu hai pronunciato.

Dunque:

  • Anzitutto affermi che il NPOV è tanto 'sacro' che non si possono usare a nessun criterio utile d'uso le fonti che siano 'faziose'? Hai cominciato questa storia semplicemente perché in un articolo del Manifesto che ho usato come fonte c'é scritto che in Ucraina si rischia un'altra elezione e forse un colpo di stato. Leggendo quell'articolo francamente NON si capisce come e dove vi sarebbero affermazioni 'faziose', che quand'anche vi fossero non lo inficierebbero automaticamente come fonte di riferimento, visto che praticamente tutta la stampa, sì anche l'ANSA, sono sospettabili di essere in qualche modo 'schierati'. Vedesi come tutti i mass media occidentali in pochi giorni hanno considerato la Georgia come Paese 'aggredito' dai perfidi Russi, quando poco prima avevano spianato la capitale Sud Osseta a furia di bombardamenti..
  • Allora se è così dimostrami DOVE e COME sarebbe impedito di usare fonti d'informazione 'ideologiche' e create da 'redazioni di parte'. Su 'notizie non c'é scritto niente di simile, la neutralità dell'articolo non è opinabile automaticamente per l'uso di fonti 'di parte'.
  • Piuttosto su 'notizie c'é scritto che a non essere in 'pole position' sarebbero i lanci di agenzia stampa, che per loro natura non sono 'plurali' (ergo: se si usa un lancio in cui Schifani dice xy, è diverso da un articolo che raccoglie anche le parole di Bersani, D'Alema, Veltroni ecc.). Quindi tu non solo affermi che bisogna azzoppare le fonti di 'notizie escludendo in maniera arbitraria qualunque giornale non sia 'cerchiobottista' al 100% DOC, ma anche che bisogna usare mezzi d'informazione ancora più manipolabili e potenzialmente faziosi.
  • Quindi a questo punto mi aspetto anche che tu spari a zero contro gli articoli OR, che certamente saranno tutti da stracciare, che vuoi, come si potrebbe controllare se quello che c'é scritto è vero o no.

Certo di questo passo 'notizie va bene solo per le estrazioni del Lotto e i risultati di calcio, purché scritti in maniera tabellare e senza alcuna notazione, s'intende. Che non sia mai che qualcuno dica che siano 'affermazioni POV'.

Essere admin dà poteri e dà responsabilità. Non dà l'onniscenza, non dà l'infallibilità e non dà l'esenzione dall'autocritica.--Stefanomencarelli (talk) 14:31, 13 set 2008 (CEST)

Bene, se dico xxxxx, non prenderle in considerazione. Non aggiungo altro (gradirei che non si scrivessero su di me cose che non ho mai detto/scritto, come Quindi tu non solo affermi che bisogna azzoppare le fonti di 'notizie escludendo in maniera arbitraria qualunque giornale non sia 'cerchiobottista' al 100% DOC, ma anche che bisogna usare mezzi d'informazione ancora più manipolabili e potenzialmente faziosi. o Insomma, Leoman3000 con queste affermazioni, accusando di 'faziosità' ogni sorta di giornale, è come se tagliasse le gambe a tutte le fonti d'informazione reperibili per scrivere articoli che siano fuori dal 'mainstream' e che presentino 'approfondimenti' di una qualunque sorta (c'é poco da scrivere con un Ansa..): non solo, ma oltre a questo discorso, va contro la stessa raccomandazione di NON usare lanci di agenzia stampa, perché si presuppone, gli articoli di giornale debbano essere più 'elaborati' di un singolo lancio di agenzia, o qualcosa del genere.; sarebbe calunnioso: il mio reale pensiero è disponibile qui). --Leoman3000 18:45, 13 set 2008 (CEST)