Scontri di Catania, Matarrese sarà deferito per le sue dichiarazioni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì  5 febbraio 2007


In un comunicato stampa il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) ha preso le distanze dai commenti e dalle dichiarazioni effettuate dal presidente della Lega Nazionale professionisti del calcio, Antonio Matarrese.

Secondo il codice di comportamento sportivo, Antonio Matarrese avrebbe infranto gli articoli 5 e 7, che recitano:

« I tesserati, gli affiliati e gli altri soggetti dell'ordinamento sportivo non devono adottare comportamenti o rilasciare dichiarazioni che in qualche modo determino o incitino alla violenza o ne costituiscano apologia »
(Articolo 5)
« I tesserati, gli affiliati e gli altri soggetti dell'ordinamento sportivo non devono esprimere pubblicamente giudizi o rilievi lesivi della reputazione dell'immagine o della dignità personale di altre persone o di organismi operanti nell'ambito dell'ordinamento sportivo »
(Articolo 7)

Per questo Antonio Matarrese potrebbe essere deferito, il che significherebbe la fine della sua presidenza della Lega Calcio.

Contro le dichiarazioni "minimizzanti" di Matarrese si è schierato anche il presidente del Consiglio italiano Romano Prodi, che ha definito folli le parole del presidente della Lega Calcio.

Fonti