Stangata al Catania: resta senza stadio fino al 30 giugno 2007

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì  14 febbraio 2007


Il giudice sportivo, Giampaolo Tosel, ha inflitto una squalifica del campo del Catania Calcio fino al 30 giugno 2007, in seguito ai fatti del 2 febbraio che portarono alla morte del poliziotto Filippo Raciti.

Lo Stadio "Massimino", già sotto sequestro, resterà pertanto inoperoso fino al termine della stagione di Serie A 2006-07. Inoltre, anche le partite in campo neutro giocate dagli etnei resteranno a porte chiuse per 8 turni. La società, infine, è stata multata di 50.000 Euro.

La sentenza, senza precedenti nel calcio italiano, è stata motivata da un lungo rapporto che mette in particolare evidenza i danni causati dalla sommossa, l'attacco massivo nei confronti della Pubblica Sicurezza e il clima «da guerra» che è costato «la morte dell'ispettore Raciti, il ferimento di 62 appartenenti alle forze dell'ordine [...] e di 13 civili».

La partita Catania - Fiorentina, in programma domenica prossima, si disputerà alle ore 15 a Rimini.

La Provincia di Catania, rappresentata da Raffaele Lombardo, ha comunicato che citerà in giudizio la FIGC per ottenere un risarcimento che compenserebbe l'ingente perdita economica dovuta alla chiusura dell'ex Cibali e i danni all'immagine conseguenti.

Fonti