Giochi Olimpici Invernali 2006 hockey su ghiaccio femminile Canada-Italia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

11 febbraio 2006

Giochi Olimpici Invernali
 


Prima partita della nazionale femminile di hockey su ghiaccio alle Olimpiadi di Torino[modifica]

La nazionale italiana femminile inizia le proprie olimpiadi in pieno spirito olimpico. La giovane squadra italiana, sebbene strabattuta dalle campionesse del Canada, ha entusiasmato gli spettatori radunati al Palasport di Torino, che negli ultimi minuti della partita, hanno cantato l'inno di Mameli.
Lo spirito decubertiano qui è profuso a piene mani, con un'Italia che partecipa alla competizione nella speranza di sopravvivere, e sarebbe già un trionfo. Il compito di questa nazionale è certamente prenderne il meno possibile e di lasciare ad altri l'ultimo posto in classifica.
Molto brava è stata Debora Montanari, che ha difeso la porta italiana, evitando un passivo maggiore; nel terzo tempo viene sostituita da Luana Frasnelli.
I parziali 5-0, 4-0, 7-0, con 66 tiri a favore del Canada contro 5 per l'Italia.

Reti: Oulette (C) 3, Wickenheiser (C) 2, Pounder (C) 2, Apps (C) 2, Vaillancourt (C), Macleod (C), Piper (C), Botterill (C), Hefford (C), Goyette (C), Weatherston (C).
Canada: Kim St-Pierre, Charline Labonte, Becky Kellar, Cheryl Pounder, Danielle Goyette, Vicky Sunohara, Cassie Campbell, Gillian Ferrari, Colleen Sostorics, Gillian Apps, Hayley Wickenheiser, Cherie Piper, Carla Macleod, Caroline Ouellette, Jennifer Botterill, Jayna Hefford, Meghan Agosta, Gina, Kingsbury, Katie, Weatherston, Sarah Vaillancourt. All. : Melody Davidson.
Italia: Debora Montanari, Luana Frasnelli, Linda De Rocco, Rebecca Fiorese, Celeste Bissardella, Sabina Florian, Heidi Caldart, Katharina Sparer, Valentina Bettarini, Waltraud Kaser, Evelyn Bazzanella, Maria Michela Leitner, Manuela Friz, Nadia De Nardin, Sabrina Viel, Silvia Toffano, Diana Da Rugna, Michela Angeloni, Silvia Carignano, Anna De La Forest. All.: Markus Sparer
Arbitro: Danyel HOWARD (USA).

Fonti[modifica]