Wikinotizie:Norme per il blocco degli utenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Green check.png Questa pagina è una delle linee guida ufficiali di Wikinotizie in lingua italiana. Essa ha un ampio consenso degli editori ed è considerata uno standard che tutti gli utenti devono seguire. Quando modifichi questa pagina, controlla che la tua modifica abbia ricevuto il consenso della comunità. Se sei in dubbio, discutine nella pagina di discussione.

Questo articolo è parte delle
linee guida di Wikinotizie

Punto di vista neutrale
Guida al contenuto
Guida allo stile

Norme per il blocco degli utenti
Cita le fonti
Copyright
Copyright immagini
Linee guida per la cancellazione
Convenzioni per i titoli
Notizie originali
Norme per la protezione delle pagine
Regola dei tre ripristini

Galateo


Il blocco è uno dei mezzi tecnologici con i quali vengono imposti i bandi, e viene usato anche per gestire vandalismi, bot, e nomi utente inappropriati.

Esistono tre tipi di blocco:

  • utenti registrati
  • indirizzi IP anonimi
  • gruppi di indirizzi IP.

Gli amministratori hanno la possibilità di bloccare utenti e indirizzi IP per un qualsiasi periodo di tempo, ma questi blocchi devono seguire le nostre politiche a riguardo.

Quando si possono usare i blocchi[modifica]

Le situazioni in cui agli amministratori è permesso di bloccare degli utenti sono elencate di seguito. I blocchi non devono essere usati in altri casi. In particolare, non sono intesi per essere usati contro opinioni impopolari, o singoli episodi di vandalismo.

Bot[modifica]

I bot devono essere approvati preventivamente, e devono seguire alcuni standard minimi. In ogni caso, gli amministratori possono bloccare immediatamente qualsiasi bot che appaia essere "fuori controllo".

Vandalismi[modifica]

Vedi anche Wikinotizie:Gestione del vandalismo per le politiche dettagliate

Gli amministratori possono, a loro giudizio, bloccare gli indirizzi IP che vandalizzano Wikinotizie. Per gli IP dinamici, tali blocchi devono durare 24 ore. Per gli IP statici, i blocchi devono inizialmente durare 24 ore, ma violazioni ripetute possono portare a blocchi fino ad un massimo di un mese.

Gli amministratori possono anche bloccare permanentemente utenti registrati che essenzialmente non commettono altro che vandalismi. Comunque, utenti registrati che eseguono una miscela di modifiche valide e vandalismi, non devono essere bloccati in questo modo. Piuttosto, si consideri di effettuare una votazione rapida per decidere se utenti che si sono "abbandonati al vandalismo" debbano ricevere un bando temporaneo.

Reincarnazioni di vandali bloccati verranno anch'esse bloccate se persistono nel vandalismo, o se apportano modifiche che possono suggerire che continueranno a vandalizzare.

I blocchi non devono essere usati contro singoli casi di vandalismo.

Nomi utente[modifica]

In base alle politiche sul nome utente, nomi provocatori, volutamente ambigui o in altro modo inappropriati, non sono permessi; e in certe circostanze, gli amministratori possono bloccarli.

Gli amministratori possono imporre un cambiamento del nome bloccando l'utente (con una scadenza ad infinito). L'amministratore che esegue il blocco deve inserire il template {{BloccoNomeUtente}} nella pagina di discussione dell'utente bloccato. Nel messaggio di blocco scrivere nome utente non appropriato (nel campo "motivazione"), eventualmente assieme ad un collegamento alla pagina di discussione o alla pagina utente dove la questione è stata discussa. Se la pagina utente o la pagina di discussioni utente esistono già, è possibile inserire un link all'eventuale discussione avvenuta, ma è preferibile non creare tali pagine se queste non esistono.

Si deve prestare attenzione a sbloccare l'indirizzo IP dell'utente. Per sbloccare l'IP ma non il nome utente, attendere finché questo non cerca di modificare una pagina, il Speciale:Ipblocklist apparirà un messaggio del tipo #1234 Automaticamente bloccato perché l'indirizzo IP è condiviso con OldUserName. Cliccare "sblocca" vicino a detto numero. A questo punto l'utente può effettuare il login. Questo processo verra presumibilmente migliorato in futuro.

Si noti che è possibile che un utente venga bloccato sia per il nome inappropriato che per vandalismo. In questo caso si lascerà bloccato anche l'indirizzo IP.

Bandi[modifica]

Agli utenti che sono stati banditi non viene permesso di scrivere su Wikinotizie. Tali bandi possono risultare da:

Quando diventa chiaro che un utente è una "reincarnazione" di un utente bandito, l'utente reincarnato può essere anch'egli bloccato.

Vedi Wikinotizie:Politiche di messa al bando degli utenti

Proxy aperti ed anonimi[modifica]

A seguito della discussione su wikien-l mailing list, agli amministratori è permesso bloccare indefinitamente gli IP dei proxy anonimi [1]. Si veda l'intero thread per la discussione sulla legittimità di usare un proxy anonimo per contribuire a Wikipedia.

Messaggio suggerito: Template:ProxyBloccato

Durata del blocco[modifica]

Considerato che a parità di scorrettezza dovrebbe corrispondere eguale risposta, ma visto anche che ogni caso fa storia a sé, la regola base da seguire è il buonsenso. Tuttavia, dall'esperienza degli amministratori, sono state raccolte alcune indicazioni sulle durate suggerite.

Motivo Durata
vandali 2 ore 8 ore 36 ore
spammer avviso 1 giorno 1 settimana
sockpuppet 1 giorno IP e infinito altri riconosciuti
copyviol avviso 15 min 1 settimana per i recidivi
utenti in write-only per altri motivi avviso 15 min 1 giorno
insulti generici, ingiurie, vandalismi pesanti 2 ore 1 giorno infinito
attacchi personali, bestemmie 1 giorno 1 settimana infinito
rename infinito
bot non bottati 15 min 1 giorno infinito (il botolatore può chiedere lo sblocco su Bot/Autorizzazioni)
problematici caso per caso
proxy aperti infinito
minacce legali infinito

Nel caso di alcuni vandalismi particolarmente pesanti o che configurano una violazione di leggi o norme generali (ad es. incitamento all'odio razziale), l'admin può valutare la cancellazione della revisione incriminata.

Effetti del blocco[modifica]

La presenza di qualunque blocco non impedisce in nessun caso la lettura delle pagine di Wikinotizie. Solo quando si segue il collegamento "modifica" viene presentata la pagina "L'utente è bloccato", che spiega le ragioni che motivano il blocco e dà informazioni su come richiedere lo sblocco.

Il blocco viene eliminato automaticamente dal sistema quando è scaduto il periodo indicato al momento del blocco, che può essere una delle opzioni predefinite dal menu a discesa o una durata libera impostata a mano dall'amministratore che opera. I blocchi con durata "indefinito" o "infinito" non hanno scadenza e restano attivi finché non vengono eliminati esplicitamente.

Di seguito viene riportato un elenco dei possibili tipi di blocco, in ordine di precedenza.

Utenti registrati[modifica]

Il blocco di un nome utente impedisce la modifica unicamente a uno specifico utente registrato che abbia effettuato il login.

Per evitare che venga aggirato, anche gli IP utilizzati da tale utente vengono automaticamente bloccati. Si veda il successivo paragrafo blocco automatico per i dettagli.

Nota: Le due checkbox opzionali dell'interfaccia di blocco non si applicano ai blocchi degli utenti registrati, e non hanno alcun effetto sulla loro impostazione.

Indirizzo IP[modifica]

Il blocco di un indirizzo IP impedisce la modifica a tutti gli utenti che lo utilizzano, anche a quelli registrati che abbiano effetttuato il login. Poiché gli indirizzi IP vengono spesso condivisi da più utenti, contemporaneamente (NAT) o in tempi successivi (IP dinamici), è possibile limitare il blocco ai soli utenti anonimi che operano dall'IP bloccato, selezionando nella interfaccia di blocco la checkbox

  • Blocca solo utenti anonimi

Tale opzione consente la modifica agli utenti registrati che condividono l'indirizzo IP bloccato, purché abbiano effettuato il login.

Per evitare abusi di quest'ultima possibilità, è possibile impedire la creazione di nuovi utenti registrati dall'indirizzo IP bloccato, selezionando nella interfaccia di blocco la checkbox

  • Impedisci la creazione di altri account

Tale opzione consente la modifica ai soli utenti già registrati prima del blocco e a tutti coloro che possono registrarsi da un altro indirizzo IP.

Gruppi di indirizzi IP[modifica]

Il blocco di un gruppo di indirizzi IP segue le stesse regole del blocco di indirizzi IP singoli, ma consente di bloccare con una sola operazione gruppi di IP contigui; va quindi usato con maggiore prudenza in quanto può danneggiare molti utenti inconsapevoli. Si veda Wikipedia:Blocco di classi di indirizzi per una descrizione tecnica del meccanismo.

Blocco automatico[modifica]

Il blocco automatico entra in funzione quando si tenta di effettuare una modifica da un indirizzo IP che è stato usato in precedenza da un utente registrato che è stato bloccato.

L'entrata in funzione del blocco automatico viene segnalata in Speciale:Log/block con il messaggio:

Bloccato automaticamente perché l'indirizzo IP è condiviso con l'utente "x".
Il blocco dell'utente x è stato imposto per il seguente motivo: "y".

Il blocco automatico appare a nome dell'amministratore che ha bloccato l'utente registrato; come per tutti i blocchi, qualsiasi amministratore può rimuoverlo se coinvolge utenti in buona fede (IP condivisi). L'indirizzo IP su cui è scattato il blocco non viene presentato per ragioni di privacy; viene sostituito da un numero progressivo che l'utente erroneamente bloccato deve indicare quando chiede lo sblocco. In ogni caso, il blocco automatico scade dopo 24 ore dall'entrata in funzione.


Nota importante:

I meccanismi di blocco seguono il principio wiki di privilegiare la libertà di modifica; le limitazioni sono quindi applicate secondo il criterio di consentire tutto ciò che non viene esplicitamente vietato. Alcuni esempi delle conseguenze di questo approccio:

  • Il blocco 'solo anonimi' per un indirizzo (o gruppo di indirizzi) IP "vince" sull'attivazione di un blocco automatico e consente la modifica da parte degli utenti registrati a partire da quell'IP (o gruppo di IP); può essere quindi usato per ridurre la portata di un blocco sul nome utente, che dà luogo a blocchi automatici.
  • In presenza di più blocchi contemporanei dello stesso tipo viene sempre applicato il blocco di durata minore, non il più recente. Ciò significa che per applicare una scadenza più lunga è necessario azzerare il blocco e ripeterlo da capo.

Procedura di blocco[modifica]

L'interfaccia di blocco, accessibile ai soli Amministratori, è Speciale:Blockip. Vi si accede direttamente, dall'elenco delle Pagine speciali (collegamento "Blocca indirizzo IP") o dal collegamento 'blocca' che appare a fianco del nome utente sulle ultime modifiche, nella cronologia delle pagine, ecc.

  • Se non è stato riempito automaticamente, inserire il nome utente, l'indirizzo o il gruppo di indirizzi IP nel campo Indirizzo IP o nome utente:. Per informazioni sul blocco di un gruppo di indirizzi IP, si veda Blocco di classi di indirizzi.
  • Specificare la Durata del blocco con il menu a discesa (il paragrafo durate può aiutare nella scelta). Se la durata prescelta non è indicata lasciare 'altro' e indicarla nel campo Durata non in elenco: usando il formato standard GNU, descritto nel manuale di tar.
Attenzione: Per modificare la durata di un blocco è necessario eliminare il blocco esistente. In caso di più blocchi contemporanei, infatti, il software applica solo il blocco di durata minore, non l'ultimo impostato.
  • Specificare il Motivo del blocco in modo chiaro, ad esempio citando le pagine che sono state oggetto di vandalismo o la decisione della comunità che ha portato al bando dell'utente.

Procedura di sblocco[modifica]

La lista dei blocchi in vigore, Speciale:Ipblocklist, contiene un elenco di tutti gli utenti e gli indirizzi IP attualmente bloccati. Agli amministratori compare un tasto [sblocca] a fianco di ogni utente. Dopo averlo selezionato, si deve inserire il motivo dello sblocco dell'utente e quindi premere il tasto Sblocca questo utente. Gli amministratori sono in grado di autosbloccarsi seguendo questa procedura.

Gli amministratori possono sbloccare gli utenti se:

  • Sono stati bloccati in violazione di queste politiche.
  • Non esiste più il motivo del blocco.
  • Il blocco è durato troppo a lungo.
  • In tutti gli altri casi appropriati.

L'ultimo punto è un po' fumoso! L'idea è che non esistono linee guida rapide ed inflessibili per lo sblocco. Gli amministratori devono usare il loro buon senso. In casi controversi, è probabilmente meglio discutere prima la cosa.

Voci correlate[modifica]