Italia, scandalo calcio: proseguono le indagini

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

13 maggio 2006


Martedì prossimo, 16 maggio, la Giunta nazionale del Coni si riunirà per deliberare la nomina di un commissario straordinario della Figc, coinvolta da una vera e propria bufera: questa la decisione assunta dal Presidente del Comitato Olimpico, Gianni Petrucci, e dal Vicepresidente vicario della Federcalcio, Giancarlo Abete.

Massimo De Santis non andrà al mondiale

La Federcalcio, oggi, ha intanto revocato l'accreditamento per i campionato mondiali di Germania che inizieranno il 9 giugno prossimo per l'arbitro Massimo De Santis, coinvolto nelle vicende di cronaca attualmente oggetto di indagine da parte della Magistratura. Analogo provvedimento è stato adottato nei confronti dei guardalinee Alessandro Griselli e Marco Ivaldi. Il ruolo di De Santis non sarà ricoperto da un suo sostituto: lo ha reso noto il portavoce della Fifa, Andrea Herren, confermando che l'unico fischietto italiano sarà Roberto Rosetti.

Sviluppi nelle indagini

Proseguono intanto le attività degli investigatori.

Oggi è stato sentito dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Roma Vincenzo Paparesta, l'arbitro che sarebbe stato chiuso da Luciano Moggi negli spogliatoi al termine della gara Reggina-Juventus. Per questo episodio, lo stesso Moggi risulta indagato per sequestro di persona. L'ufficiale di gara è stato sentito nella qualità di persona informata sui fatti.

L'ex presidente del Bologna, Giuseppe Gazzoni Frascara, è stato interrogato per sei ore dai magistrati della Procura di Napoli. Uscendo dal Palazzo di Giustizia, l'ex dirigente ha scambiato poche battute con i giornalisti presenti affermando, tra l'altro che era sua intenzione - in passato - ingaggiare l'allenatore Zeman «ma la Gea mi disse che non era consigliabile e non simpatico».

La Consob, inoltre, ha chiesto alle Procure di Roma, Napoli, Torino e Milano la trasmissione delle informazioni raccolte sino ad oggi, al fine di poter valutare se quanto accertato abbia potuto influire sull'andamento dei titoli delle società sportive quotate in borsa.

Fonti