Rugby Coppa del Mondo 2007: Argentina - Francia 34-10, Pumas terzi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 19 ottobre 2007


L’Argentina termina il suo Mondiale di rugby esattamente come l’aveva iniziato: battendo la Francia. Ma se nell’incontro inaugurale i Pumas avevano sconfitto i padroni di casa per 17-12, questa sera, in occasione della finale per il 3° posto della VI Coppa del Mondo, hanno raddoppiato il bottino realizzando 34 punti (a 10) marcando ben cinque mete (a una). Differenti stati d’animo in campo: l’Argentina aveva intenzione di coronare il suo mondiale praticamente perfetto (unico neo, la semifinale persa contro il Sud Africa, probabilmente affrontata con la convinzione di essere già sconfitta prima di iniziare a giocare) laddove la Francia era delusa per aver mancato l’appuntamento con la finale di domani.

La bandiera argentina a Saint-Denis nella gara inaugurale

Praticamente senza storia l’incontro del Parco dei Principi: la diga difensiva dell’Argentina ha retto molto bene, e i francesi vi si sono infranti contro. Ciononostante le due squadre hanno dato vita a un incontro molto spettacolare e acceso, anche se inevitabilmente sul piano disciplinare è uscito qualche colpo proibito di troppo (tre ammoniti). In parità dopo 20’ (due calci, di Elissalde e M. Contepomi), la partita ha visto una svolta alla mezz’ora, quando i Pumas hanno inflitto un pesantissimo break ai francesi, marcando due mete in 3’ e allungando il vantaggio a 14 punti, mantenendolo all’intervallo.

Nella ripresa stesso copione: i Bleus hanno spinto e giocato molto alla mano, cercando di arrivare alla meta con azioni manovrate, ma questa non era serata di rugby in punta di fioretto, anche alla luce delle schermaglie che di tanto in tanto si accendevano in campo e che hanno indotto durante il match l’arbitro neozelandese Honiss a inviare due argentini e un francese nel box di punizione a calmarsi. Due mete in contrattacco allontanavano sempre di più la speranza francese di recuperare l’incontro, tanto che la sospirata e attesa marcatura di Poitrenaud veniva salutata solo come punto della bandiera che dava l’occasione alla squadra di finire quantomeno in doppia cifra, obiettivo raggiunto con la successiva trasformazione. A quel punto il punteggio era sul 10-27, e c’è stato tempo per un’ulteriore marcatura argentina, questa volta giunta al termine di una ripetuta azione a cinque metri dalla linea di meta, ma di fatto la partita era già conclusa. 34-10 il risultato finale e Marcelo Loffreda che saluta la panchina dei Pumas per andare ad allenare in Inghilterra con un biglietto da visita di tutto rispetto.

Domani sera la grande chiusura allo Stade de France di Saint-Denis: di fronte Inghilterra (che difende il titolo) e Sud Africa. Entrambe le squadre hanno vinto una Coppa del Mondo a testa.

Il tabellino[modifica]

Parigi, Parco dei Principi, 19 ottobre 2007, ore 21

ARGENTINA - FRANCIA 34-10 (17-3)

Marcatori: 18’ Elissalde c.p., 20’ F. Contepomi c.p., 28’ e 77’ F. Contepomi meta (28’ tr. F. Contepomi), 31’ Hasan Jalil meta (tr. F. Contepomi), 54’ Martin Aramburu meta, 65’ Corleto meta, 67’ Pointrenaud meta (tr. Beauxis).

ARGENTINA: Corleto, Martin Aramburu, M. Contepomi, F. Contepomi, Agulla, Hernandez, Pichot, Longo Elia, I. Fernandez Lobbe, Durand, Albacete, Alvarez-Kairelis, Hasan Jalil, Vernet Basualdo, Roncero.
A disposizione: Leguizamon, Fernandez Miranda, Lozada, Senillosa, Todeschini, Guinazu, Ayerza.
Allenatore: Marcelo Loffreda.

FRANCIA: Poitrenaud, Rougerie, Skrela, Marty, Dominici, Michalak, Elissalde, Harinordoquy, Dusautoir, Nyanga, Thion, Nallet, Mas, Ibanez, Poux.
A disposizione: de Villiers, Bruno, Martin, Mignoni, Clerc, Chabal, Beauxis.
Allenatore: Bernard Laporte.

ARBITRO: Flag of New Zealand.svg Paul Honiss.

SOSTITUZIONI: 41’ Bruno per Dusautoir; 51’ Martin per Ibanez; 55’ Mignoni per Elissalde; 60’ Leguizamon per Durand; 61’ Clerc e Chabal per Rougerie e Thion; 63’ Beauxis per Marty; 68’ Fernandez Miranda per F. Contepomi; 71’ Lozada per Alvarez-Kairelis.

AMMONIZIONI: 40’ Ibanez e Alvarez-Kairelis, 63’ Leguizamon.

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.