Rugby Coppa del Mondo 2007: Italia ok con il Portogallo; vince anche la Scozia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 19 settembre 2007


Turno della VI Coppa del Mondo di rugby dedicato interamente al girone D, quello che riguarda l’Italia: nella serata di ieri la Scozia ha battuto al Murrayfield di Edimburgo la Romania con un rotondo 42-0, frutto di 6 mete (tre per tempo), tutte trasformate. Con tale vittoria gli scozzesi guidano a 10 punti il girone in tandem con la Nuova Zelanda, che nel turno prossimo dovrà incontrare proprio la squadra britannica, mentre l’Italia riposerà, per poi affrontare la Scozia nell’ultimo turno del girone, il 29 settembre.

Questa sera, invece, al Parco dei Principi di Parigi, gli Azzurri hanno battuto per 31-5 il Portogallo. Miglioramenti rispetto alla vittoria di misura per 24-18 sulla Romania si sono visti, soprattutto in fase difensiva, anche se vi sono stati troppi errori che solo la scarsa levatura tecnica del Portogallo - cui non è mancata la determinazione e la voglia di lottare fino all’ultimo ma che oggettivamente aveva poche chance contro una squadra meglio piazzata nel ranking mondiale IRB (l’Italia è 8ª, il Portogallo 22°) - ha impedito potessero divenire serie minacce. Contro una Scozia che si trova al gradino immediatamente inferiore del ranking, invece (9ª), all’Italia (attualmente terza a 8 punti) servirà una prestazione con meno sbavature, perché è ormai obbligata a batterla a Saint-Étienne per guadagnare il secondo posto del girone che la ammetterebbe ai quarti di finale, tra le prime otto squadre del mondo. Per dovere di cronaca va comunque aggiunto che la speranza italiana di giocarsi la qualificazione all’ultima partita risiede nella ragionevole certezza che gli All Blacks rispettino il pronostico favorevole e battano gli scozzesi nel prossimo incontro. Diversamente, non la matematica ma la logica condannerebbero l’Italia, che non potrebbe più raggiungere la Scozia anche se la battesse, e assai difficilmente potrebbe superare la Nuova Zelanda impegnata nell’ultimo turno contro la molto più debole Romania.

Per quanto riguarda invece l’incontro odierno, il punteggio è stato frutto di 3 mete italiane (2 trasformate) e 4 calci piazzati contro una sola meta portoghese, non trasformata: gli azzurri sono usciti alla distanza ma hanno sofferto per circa 50 minuti l’aggressività dei lusitani: fino a quel momento lo score era una meta per parte, e l’Italia conduceva grazie ai calci piazzati che era riuscita a guadagnare nel corso delle lotte per guadagnare metri di campo. Azzurri che finalmente avevano ragione degli avversari nel finale, con 2 mete marcate negli ultimi 10’ (73’ e 77’). Un tentativo di realizzare la quarta meta che avrebbe dato il bonus è poi fallito quasi allo scadere, ma a questo punto del torneo non avrebbe fatto molta differenza, dal momento che non avrebbe fatto venir meno l’esigenza di battere la Scozia per qualificarsi. Sugli scudi David Bortolussi, autore di 16 dei 31 punti azzurri (4 calci e 2 trasformazioni).

Il tabellino[modifica]

Parigi (Francia), Parco dei Principi, ore 20:30

ITALIA - PORTOGALLO 31-5 (16-5)

Marcatori: 4’ e 77’ Masi meta (2 trasf. Bortolussi), 17’, 30’, 40’ e 63’ Bortolussi c.p., 33’ G. Uva meta, 73’ Mauro Bergamasco meta.

ITALIA: Bortolussi; Canavosio, Canale, Masi, Pratichetti; De Marigny, Troncon (79’ Griffen); Vosawai (59’ Orlando), Mauro Bergamasco, Parisse; Bortolami, Del Fava; Castrogiovanni (64’ Perugini), Ghiraldini, Lo Cicero (64’ Aguero).
A disposizione: Griffen, Orlando, Perugini, Aguero, Ongaro, Bernabò, Galon.
Allenatore: Pierre Berbizier.

PORTOGALLO: Cabral; David Mateus (41’ Foro), Sousa, Diogo Mateus (71’ Gama), Aguilar; D. Pinto, J. Pinto (66’ Pissarra); J. Uva (64’ Murinello), V. Uva, T. Girao; G. Uva, Penalva; Spachuck (61’ Silva), Correia (69’ Figueiredo), Cordeiro (61’ Murè).
A disposizione:Foro, Gama, Pissarra, Silva, Murinello, Figuereido, Murè.
Allenatore: Tomaz Morais.

ARBITRO: Sud Africa Marius Jonker.

Altri risultati[modifica]

(ieri) SCOZIA - ROMANIA 42-0 (21-0)

Fonti[modifica]

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.